I CORSI DI FORMAZIONE DEL PERSONALE

Le modificazioni introdotte nel PMR dall'adozione di nuovi e più sofisticati sistemi se da un lato ha consentito di raggiungere più elevati livelli di affidabilità e permesso di ottenere prestazioni ulteriori rispetto al tradizionale uso della radio, dall'altro ha posto in luce un problema di significativa valenza: la necessità che gli operatori posseggano una maggiore padronanza nell'uso degli strumenti utilizzati (apparecchiature terminali e centri radio).

L'insieme delle novità introdotte ha oggettivamente cambiato, e non di poco, il modo di utilizzare la radio. Abbandonata la rete libera, ove tutti ascoltano e a turno parlano, si è fatta strada la necessità di capire cosa stia succedendo in rete quanto una comunicazione è in corso, quando questa inizi, quali procedure debbano essere osservate, che tipo di linguaggio sia più conveniente adottare, ottenere il meglio nell'uso dei messaggi precodificati e nella selettivazione delle chiamate.

Le motivazioni che hanno consigliato l'adozione delle nuove tecnologie sono arcinote perché, anche in questa occasione, debbano essere ripetute. Tra tutte valgano le più semplici: risparmiare tempo nell'occupazione del canale radio e, ove possibile, risparmiare frequenze d'esercizio.

Il tema che, viceversa, pare utile riprendere è quello relativo all'esigenza di una adeguata formazione professionale degli operatori. Infatti senza di essa gli investimenti effettuati e gli obiettivi prefissati rischierebbero di vanificarsi.

In tale prospettive deve essere vista l'opportunità di organizzare e far svolgere appositi cicli di lezioni, corredate da opportuni supporti quali, ad esempio, dispense illustrative e videografici dimostrativi delle possibilità del sistema e delle funzioni delle apparecchiature.

Muovendosi dal comprovato presupposto che in mancanza di adeguata preparazione, l'introduzione delle nuove tecnologie non rappresenta, da sola, la soluzione ai diversi problemi a cui si vuole porre rimedio (aumento della funzionalità, maggiori prestazioni ecc.), si è potuto accertare che il grado di efficienza di un sistema di radiocollegamento è direttamente rapportato al grado di conoscenza del suo funzionamento e della padronanza delle prestazioni che consente.

In alcuni casi, solo dopo un'adeguata preparazione degli addetti, si è registrato un netto miglioramento del funzionamento generale della rete e, parallelamente, sono cadute alcune delle diffidenze iniziali verso la "nuova" radio.

Il problema maggiore, piuttosto, che si è registrato è risultato quello di dover superare, prima di giungere all'organizzazione dei corsi, il gap dell'accettazione "culturale" degli stessi corsi e, non meno importante, ritagliare all'interno di un'Azienda, Ente ecc., quella parte di organizzazione interna che, non essendo istituzionalmente a ciò deputata, mal accettava anche questo nuovo compito.

In questi casi il ricorso a strutture specializzate esterne ha facilmente risolto tale secondo aspetto.

Usare al meglio le risorse è una saggia politica aziendale: porre in condizioni gli addetti di sfruttarle dimostra sovente una larghezza di vedute che distingue il manager da un qualsiasi dirigente.

RITORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE