AUTOLOCALIZZAZIONE - MONITORAGGIO

SENZA UNA CENTRALE PRESIDIATA

OGNI SFORZO PUO' ESSERE VANO

Parallelamente all'accresciuto ricorso all'utilizzo delle nuove tecnologie nei riguardi della centralizzazione e gestione del trasporto pubblico di persone, sono emersi alcuni problemi che non sempre hanno consentito di cogliere nella loro intierezza la preziosa utilità dei moderni sistemi di radiolocalizzazione, informazione all'utenza, gestione integrata del servizio.

In alcuni casi per la diversità delle opzioni disponibili, in altri per la non completa conoscenza delle grandi alternative funzionali degli stessi sistemi ed, ancora, perché non sempre sono state trattate sullo stesso piano le questioni relative all'introduzione delle nuove tecnologie rispetto alle necessarie modifiche organizzative interne, i risultati si sono attestati su livelli inferiori rispetto a quelli che era lecito aspettarsi.

Da una verifica effettuata sul campo si può rilevare che la maggioranza delle insoddisfazioni traggono spunto da una considerazione piuttosto elementare: il centro operativo o centrale di coordinamento non risulta adeguato, in termini di personale impiegato rispetto a quanto era logico prevedere.

Continuando ad operare come una "normale" centrale radio (che risponde alle sole chiamate e non sollecita l'acquisizione dei dati) e gestendo il "servizio" come un normale ufficio di movimento (attribuzione dei turni, gestione del personale - congedi, malattie ecc. - sostituzione materiale, interventi in linea ecc.) anche se corredata di moderne apparecchiature, la "centrale" è incapace di trarre dal sistema il meglio dalle prestazioni che i sistemi forniscono.

Per esprimerci con più chiarezza occorre richiamare l'attenzione su alcuni elementi.

Un sistema di radio localizzazione e gestione del servizio assicura diverse prestazioni, ad esempio:

- visualizza la posizione dei mezzi itineranti sul territorio;

- rileva gli scostamenti tra la realtà del servizio ed il piano teorico predisposto;

- consente di tenere costantemente sotto controllo il grado di affollamento dei mezzi;

- rileva la velocità reale del traffico rispetto alla sua velocità teorica;

- segnala interruzioni nella frequenza dei transiti;

- rileva anticipi e ritardi;

- segnala interruzioni nel servizio;

- storicizza l'andamento del sevizio registrando i saliti ed i discesi alle singole fermate; registra i rifornimenti; lo stato del mezzo e, in generale, ogni anomalia in riferimento allo svolgimento del servizio.

Come si può notare molte delle notizie o la registrazione degli eventi avviene in modo automatico e l'operatore del centro se ne rende conto solo se presta attenzione alle segnalazioni o compie specifiche analisi e ricerche.

Alcuni allarmi o segnali di avviso, visualizzati sul monitor di centrale, non rivestono una particolare evidenziazione di modo che se l'attenzione non è costante, rischiano di essere sottovalutati.

Nel caso preso ad esempio e relativo ad una centrale in cui gli operatori hanno altre incombenze da assolvere, ben si comprende come grande parte dell'utilità del sistema rischi di perdere la sua importanza.

Al proposito è opportuna un'altra sottolineatura.

trasporti pubblici sempre più prigionieri del traffico


L'introduzione dei moderni sistemi di centralizzazione della gestione del servizio di trasporto pubblico con i conseguente impiego di notevoli risorse porta ad affrontare, a nostro avviso in modo piuttosto superficiale, la "quadratura" dei conti.

Sul piano teorico si ricerca un problematico aumento della velocità commerciale (con la conseguente diminuzione del costo chilometrico) e si affida a messaggi generici l'informazione all'utenza ma non si razionalizza il numero delle forze in campo.

Tipico è l'utilizzo del personale esterno avente compiti di verifica dei titoli di viaggio o di direzione del movimento.

Con i moderni sistemi di gestione del servizio è del tutto ovvio che tale personale deve diminuire sul territorio ed essere meglio utilizzato presso il centro proprio in quelle mansioni di continuo monitoraggio della rete, delle sue eventuali anomalie, di correzione del servizio predisposto e di ricerca dell'evasione.

Il grande numero di dati acquisibili, in tempo reale o a fine servizio debbono essere utilizzati per predisporre griglie sempre più aderenti alla realtà ed il cui discostarsi deve fornire, con immediatezza, al personale di controllo operante presso la centrale gli elementi indispensabili per permettere interventi mirati e certamente assai più utili rispetto a semplici interventi effettuati a campione.

L'aumento del personale del centro, da conseguirsi con l'utilizzazione di personale prima operante all'esterno non è quindi una contraddizione: è una necessità se si desidera che il sistema adottato corrisponda alle attese ed ai risparmi ipotizzati in sede di prima analisi.

Se risponde a verità che un lieve aumento della velocità commerciale consente grandi risparmi, è altrettanto vero che solo riuscendo a riportare a sintesi l'intero servizio espletato è possibile ottenere risultati eccezionali.

In definitiva la questione che si qui è voluta evidenziare è piuttosto semplice: la validità dei sistemi di radiolocalizzazione, gestione centralizzata del servizio, informazione all'utenza ecc. è fuori discussione così come se diversi possono essere i sistemi, univoca risulta la possibilità di "gestire modernamente" un servizio e trarne innegabili vantaggi.

Diversa, e non meno importante, è la necessità di adeguare la struttura organizzativa interna che mentre può imitarsi all'adozione di questo o quel sistema, deve strutturarsi in modo da ottenere il massimo rendimento dalle moderne tecnologie: una centrale adeguata, con personale interamente "dedicato" ai nuovi compiti è perciò non solo utile ma è indispensabile.

Dove reperire il personale, utilizzandolo all'interno anziché sul territorio, è l'altro versante del problema che i sistemi non possono autonomamente suggerire.

Rimane alla capacità di affrontare il problema nella sua visone globale la chiave del successo, altrimenti potrebbe risultare velleitario aspettarsi risultati significativi.

un Centro Operativo adeguato (FI)

ritorna alla pagina principale