NON SOLO 27 MHz

Il problema dei problemi, utilizzando la 27 MHz o, come comunemente denominati, i "baracchini", è quello dell'eccessivo affollamento dei canali e della caotica situazione, non sempre corretta, che impedisce di poter comunicare senza subire abbattimenti, interferenze, fischi o ... peggio.

Se poi la necessità di parlare riguarda situazioni di una certa importanza, utilizzando i canali dedicati alla sicurezza ed al soccorso stradale, alla pesca ed alla caccia; in ausilio a servizi di imprese; la sicurezza della vita in mare; in ausilio delle attività sportive ed agonistiche o in ausilio delle attività professionali sanitarie così come espressamente indicato ai punti 1, 2, 3 4, 7 e 8 dell'articolo 334 del Codice postale (l. 156/73), la questione assume particolare importanza e può provocare non pochi danni.

Si può obiettare che la telefonia cellulare consente collegamenti ben più affidabili ma, per contro, è necessario valutare che sovente la zona oggetto di queste comunicazioni non è servita da questo servizio.

La possibilità di effettuare comunicazioni utilizzando la specifica banda dei 43 MHz oltre a quella dei 27 MHz, non sempre è conosciuta e potrebbe rivelarsi assai utile proprio per il tipo di comunicazioni previste ai punti sopra citati per non parlare dell'assistenza a coloro che praticano volo libero e diporto sportivo.

Sono presenti sul mercato apparati, omologati PT, che permettono comunicazioni (anche in FM) senza dover essere in possesso della "famosa" concessione e senza dover attendere tempi biblici per ottenerla.

E' sufficiente una semplice denuncia di inizio attività per l'utilizzo ai sensi dei già considerati punti 1, 2, 3, 4 e 7 (costo annuale lire 5000), mentre, per il punto 8 (uso libero personale solo LPO/UHF 433 MHz) differenzia la potenza di emissione che è ridotta e la banda utilizzata, il costo annuale attuale è di lire 15.000.

Ovviamente le apparecchiature debbono essere omologate PT.

Disponibili sul mercato sono distribuite nazionalmente da Marcucci spa (Lafayette): E-mail: marcucc1@info-tel.com.

Come si può osservare con il D.M. 29 aprile 1994 si sono aperte nuove prospettive per l'utilizzo di quel prezioso strumento che è la radio: ovviamente per esigenze limitate e personali e non certo per attivare reti o sistemi.

AVVISO
IMPORTANTE

Da un controllo esperito sono emerse situazioni di difformità in ordine alla regolare sottoscrizione dell'abbonamento alla rivista.

Poichè tale problema può comportare il mancato ricevimento di Tecnews

è     INDISPENSABILE

che gli abbonamenti siano correttamente e puntualmente sottoscritti.

Rivolgiamo perciò un caldo invito ai Lettori interessati al ricevimento di tutti i numeri della rivista, di regolarizzare la propria posizione utilizzando un versamento in c/c postale

quota annuale di abbonamento lire 20.000
su c/c postale 14557169
intestato a
TECMEN srl - p. De Ferrari 4/63 GENOVA

ricordandosi di scrivere chiaramente sul retro il nome e l'indirizzo del destinatario di Tecnews

ATTENZIONE

nel caso si desideri offrire l'abbonamento ad altra persona indicare:
a favore di terzi
in questa circostanza la Redazione invierà una lettera all'Interessato comunicandogli che il Sig. o la Ditta X ha sottoscritto un abbonamento a Suo favore.


RITORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE